Informaticando, accadde

The paper foo hypothesis

Posted in pensieri, recensioni, università by Inzirio Draghelli on 11 marzo 2013

Come tutti coloro che hanno letto il mio primo post sanno, studio informatica da diversi anni… Durante tutti questi millenni ho avuto modo di leggere diversi articoli (paper) di carattere scientifico. Dopo estenuanti giornate a digrignare i denti, spaccare matite, bruciare vocabolari, sono giunto alla formulazione di una mia ipotesi e di una mia possibile AUTO-pubblicazione su questo blog (sì mi riferisco a questo post -.-‘)

C’è la possibilità, come tutte le ipotesi, che essa venga subito confutata e avallata allo stesso tempo, ma lo scopo di un paper è proprio questo, sollevare un vespaio, oltre che rompere i coglioni ai tesisti!

Ovviamente ho buttato giù solo un abstract per il momento, dato che si tratta di un argomento che richiederà tempo per essere sviscerato, sviluppato, analizzato e successivamente pubblicato.

The paper foo hypotesis – a possible light at the end of the tunnel

Nome professorone 1 – nome professorone 2 – … – nome professorone n – I. Draghelli

Abstract*: con questo documento proveremo (pluralis maiestatis… poi capirete il perchè) a dimostrare il motivo alla base del quale la maggior parte degli articoli scientifici siano di così difficile comprensione, nonchè del perchè siano così tediosamente e inutilmente lunghi. La nostra intuizione si basa su quella che abbiamo definito come “The paper foo hypotesis” (TPFH). Siamo giunti a costruire questa ipotesi dopo una lunga ed estenuante, nonchè tediosa, lettura di numerosi paper di carattere scientifico, scritti dai ricercatori delle nazionalità più disparate, italiani, spagnoli, australiani, inglesi, russi. Ipotizzando, dunque, che l’80% dei ricercatori conosce male la propria lingua e ancor meno l’inglese, andremo a dimostrare che il 60% dei contenuti dei paper presenti nei database di tutto il mondo è “fooffa” (abbiamo coniato questo termine (o almeno crediamo di averlo fatto) annoverando con esso qualsiasi cosa che risulti inutile e/o ridondante), basandoci sulla oramai radicata convinzione che per far fronte alle proprie carenze linguistiche i ricercatori ricorrono a “contorsioni” grammaticali di ogni specie, provando così a far colpo sulla comunità scientifica, ma con il solo risultato di complicare la comprensione del paper in esame. Infine, durante l’elaborazione della nostra ricerca siamo giunti a formulare un possibile Assioma. Si può arrivare a dimostrare l’equivalenza delle seguenti proposizioni, a partire dalla seguente ipotesi: se l’80% dei ricercatori evitasse di perdersi in scioglilingua di carattere lessicogrammaticale: 1) il mondo della ricerca verrebbe preso maggiormente sul serio. 2) il mondo della ricerca perderebbe meno tempo (con conseguente miglioramento della propria qualità della vita). 3) il mondo della ricerca sarebbe meno frustrato (scoperebbe di più). 4) i tesisti tornerebbero a sorridere (a buon intenditor poche parole).

Introduzione: è praticamente un copia e incolla dell’abstract ma con la punteggiatura e una serie di sinonimi per far vedere che in realtà è stato riscritto e non copiato e incollato.

Concludo con un ricchissimo:

TBW

(vi lascio il piacere di “googlarlo” ^^)

*per chi non avesse mai letto un Abstract, deve sapere che NON ESISTE L’ANDARE A CAPO, è un susseguirsi di parole senza fine, con il minor numero di segni di punteggiatura possibili e la maggiore accozzaglia di parole possibili. DOVREBBE servire per dare una visione d’insieme del paper, ne consegue invece uno sproloquio di parole senza senso che danno una vaga idea di quello che il lettore andrà a buttare il sangue per cercare di capire.

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Giorgio said, on 12 marzo 2013 at 12:20 AM

    to be written? mi hai fatto pariare cmq😉


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: