Informaticando, accadde

The paper foo hypothesis

Posted in pensieri, recensioni, università by Inzirio Draghelli on 11 marzo 2013

Come tutti coloro che hanno letto il mio primo post sanno, studio informatica da diversi anni… Durante tutti questi millenni ho avuto modo di leggere diversi articoli (paper) di carattere scientifico. Dopo estenuanti giornate a digrignare i denti, spaccare matite, bruciare vocabolari, sono giunto alla formulazione di una mia ipotesi e di una mia possibile AUTO-pubblicazione su questo blog (sì mi riferisco a questo post -.-‘)

C’è la possibilità, come tutte le ipotesi, che essa venga subito confutata e avallata allo stesso tempo, ma lo scopo di un paper è proprio questo, sollevare un vespaio, oltre che rompere i coglioni ai tesisti!

Ovviamente ho buttato giù solo un abstract per il momento, dato che si tratta di un argomento che richiederà tempo per essere sviscerato, sviluppato, analizzato e successivamente pubblicato.

The paper foo hypotesis – a possible light at the end of the tunnel

(more…)

Via San Donato – Pianura – Napoli

Posted in Napoli, pensieri, strunzat by Inzirio Draghelli on 8 marzo 2013

E’ da quando ho iniziato ad andare alle medie che ho sempre sentito parlare di questa via di Pianura… Via San Donato!

Diciamo che, abitando a soccavo, è abbastanza ovvio che io conosca persone di un quartiere  limitrofo al mio, ma Via San Donato per me è sempre stata un mistero!

Perchè? Vi chiederete… o magari nun ve ne fott, ma lo dirò lo stesso!

Via San Donato sarà tipo 100mt di strada, una strada stretta, a una sola corsia, con paletti a destra e sinistra, terre intorno, manc nu post p’a machin, negozi, negozietti, una farmacia GIGANTE!

Quindi mi sono sempre chiesto, ma come cazzo fa a viverci il 99% degli abitanti del quartiere?

Tagged with: , ,

Manuale per rompere i capillari nasali

Posted in pensieri, recensioni, strunzat by Inzirio Draghelli on 6 marzo 2013

Vi illustrerò un metodo infallibile per rompere i propri capillari nasali!

Prerequisiti:

  • Frescura invernale… o primo calore primaverile (di quelli infami che sai essere finti dato che dopo 2 giorni torna a piovere!)
  • un cappotto (opzionale)
  • uno o più bar
  • dei soldi
  • degli amici (opzionale)
  • un fazzoletto
  • due polmoni (anche malandati)
  • essere fumatori (opzionale)
  • una mano

(more…)

A volte

Posted in pensieri by Inzirio Draghelli on 26 dicembre 2012

il passato ritorna, ma se hai la giusta preparazione, invece di spaventarti, ti riporterà sulla giusta strada! ^^

Tagged with: , , , ,

Sono intollerante

Posted in Concerto, music, Napoli, pensieri, Storie by Inzirio Draghelli on 23 giugno 2012

Sì, sono intollerante!

Sì, lo so, parecchi di voi non la troveranno una novità! Soprattutto chi mi conosce e mi frequenta!

Ma infatti non lo è neanche per me! E’ solo che ho deciso di rendere tutti partecipi di questo mio modo di essere! Dovete ringraziare (sarcasticamente) una mia amica che mi ha fatto riflettere sul concetto di non tenersi tutto dentro ma di buttarlo fuori per vivere meglio!

Quindi ho deciso di scrivere un post, probabilmente non l’unico, su chi non tollero! Adducendo le mie motivazioni plausibili!

Non tollero:

– gli stupidi, e chi ne fa le veci!

(more…)

Un’ipotesi di calcio italiano

Posted in Napoli, pensieri, Storie, Vecchie glorie by Inzirio Draghelli on 25 maggio 2012

E’ il 14 aprile del 2012, e il calcio italiano ha bisogno di uno stop forzato… uno stop di quelli pesanti, neri, di lutto, per un ragazzo, di quelli giovani, di 26 anni!

E’ morto Morosini, che personalmente non sapevo chi fosse fino a quando non ha avuto un arresto cardiaco durante una partita di calcio, a VENTISEI anni…

Dicono esistono patologie cardiache subdole, strane, sconosciute, ma io sono uno di quelli che vede complotti in ogni dove, uno di quei tipi cervellotici, incapati, che vedono le cospirazioni anche dove non ci sono, ed è così che mi sono ritrovato a formulare un’ipotesi tutta mia a riguardo!

(more…)

Meanwhile in the World

Posted in pensieri, Politica by Inzirio Draghelli on 17 gennaio 2012

Dato che ultimamente non ho molto tempo per scrivere, nonostante mi si presentino sempre delle idee, belle o brutte che siano… Alla fine mi sono ridotto a pubblicare un demotivational ^^

L’omino IKEA

Posted in Napoli, pensieri, Storie, strunzat by Inzirio Draghelli on 10 marzo 2011

Questa mattina, quando mi sono svegliato, ho potuto notare un sole bellissimo in cielo, un’aria quasi tiepida e accusavo un fortissimo mal di testa. Ma il senso del “dovere” mi portava ad alzarmi dal letto e vestirmi, per poter andare da IKEA a comprare una cucina…

Considerato che avrei dovuto trasportare una cucina su per quattro piani di scale, ho ben pensato di mettermi comodo riesumando un pantalone di una tuta grigio scuro e un felpone giallo comodissimo e caldo, il tutto arrecante il marchio Adidas bene in vista.

Ore 12.00 sono da IKEA, guardo il cielo… LIMPIDO, “Ma sì! Sto giubbino lo lascio in auto!”

Ore 12.15 mi trovo seduto accanto a un forno per cercare di capirne i segreti.

Dietro di me sento: “Scusa! Sai dove sta Sdubdnbò?” (Sdubdnbò: classico termine svedese utilizzato per indicare qualcosa di cui nn si ricorda bene il nome)

(more…)

E fuoss mpiett (I fossi in petto)

Posted in Napoli, pensieri, strunzat by Inzirio Draghelli on 16 febbraio 2011

Stasera tornando a casa pensavo alla riequilibratura… In generale… Non solo quella della macchina!

Poi però riflettendo che stavo camminando per le strade di Napoli, mi sono soffermato sulla riequilibratura dell’auto… Mo magari nun c’appizz niente, però mi so soffermato…

A Napoli, per chi non lo sapesse , le strade sono “leggermente sconnesse”. In pratica, su ogni strada c’è almeno un fosso… Uno, si t va bbuon! E questo perchè le strade sono fatte manco la chiavica!

(more…)

Serata itinerante

Posted in music, Napoli, pensieri, Politica, Storie by Inzirio Draghelli on 5 febbraio 2011

Ci sono serate itineranti

in cui fai un sacco di cose,

che ti lasciano tante piccole macchie,

in cui impari un sacco di cose,

in cui ritrovi la strada che avevi sperso…

Però c’è sempre qualcosa che ti rimane impresso, più delle altre…

2010, ancora stai cca’?