Un’ipotesi di calcio italiano

E’ il 14 aprile del 2012, e il calcio italiano ha bisogno di uno stop forzato… uno stop di quelli pesanti, neri, di lutto, per un ragazzo, di quelli giovani, di 26 anni!

E’ morto Morosini, che personalmente non sapevo chi fosse fino a quando non ha avuto un arresto cardiaco durante una partita di calcio, a VENTISEI anni…

Dicono esistono patologie cardiache subdole, strane, sconosciute, ma io sono uno di quelli che vede complotti in ogni dove, uno di quei tipi cervellotici, incapati, che vedono le cospirazioni anche dove non ci sono, ed è così che mi sono ritrovato a formulare un’ipotesi tutta mia a riguardo!

Continue reading “Un’ipotesi di calcio italiano”

Annunci

Rambo – recensione

Stasera, per caso, facendo un noioso zapping in tv, mi sono imbattuto in Rambo I.

La storia è incentrata interamente su un personaggio, John Rambo. Un marine invasato, reduce dalla guerra in Vietnam. Attenzione però, mica è un marine qualunque… E’ il più invasato di tutti i marine!

Faceva parte di un reparto speciale di uomini scelti, capaci di distruggere intere città col solo aiuto di un coltellino. Forse mi sto un pò confondendo… Cioè non che Rambo non abbia il coltellino, solo che è un pò più lungo di quattro dita, diciamo delle dimensioni tipo Rocco Siffredi.

Fatto sta che Rambo quando torna dalla guerra non riesce a integrarsi, non trova lavoro, la gente lo odia per quello che ha fatto, e infine si riduce a vagabondare per gli Stati Uniti*, con indosso un jeans e una maglietta… fino ad arrivare nel NORD-OVEST degli Stati Uniti… Nu cazz e fridd! E iss canottiera e jeans… Pecchè iss è Rambo! Nun se ne fott!

Continue reading “Rambo – recensione”

L’espressione algebrica

A differenza del titolo questo post lo dedico a una delle icone della mia crescita, Alvaro Vitali.

Un genio della comicità italiana erotica, che come ho annunciato mi ha accompagnato per diversi anni della mia fanciullezza e adolescenza. E’ più che ovvio, per chi lo conosce, che non mi ha cresciuto da solo, ma era spesso in compagnia di una bella donna, Edwige Fenech e non c’era solo lei… Non potremmo mai dimenticare le supplenti della maestra, per le quali “Pierino” si è fatto bocciare per più e più anni della sua vita, fino a quando a un certo punto s’e’ ritrovato ad avere 40 anni e ripetere ancora la 3° elementare.

Comunque tutte queste minchiate mi sono servite per introdurvi un grande video! Che tra l’altro ti fa piacere anche la matematica… 😛

P.S. Grazie Giorgio, allenarsi sugli esercizi di aritmetica-deduttiva, se portano a ciò, non ha prezzo! 😛

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑