Informaticando, accadde

A volte

Posted in pensieri by Inzirio Draghelli on 26 dicembre 2012

il passato ritorna, ma se hai la giusta preparazione, invece di spaventarti, ti riporterà sulla giusta strada! ^^

Tagged with: , , , ,

L’uccello a due teste

Posted in citazioni, Storie by Inzirio Draghelli on 22 marzo 2011

C’era una volta un uccello con due teste e un corpo: la testa di destra era vorace ed abilissima nella ricerca di cibo, mentre quella di sinistra, altrettanto ghiotta, era maldestra. La testa di destra riusciva sempre a nutrirsi a sazietà, mentre quella di sinistra era incessantemente tormentata dalla fame.

E così un giorno la testa sinistra disse alla destra:

“Conosco, qui vicino, un’erba squisita di cui ti delizieresti: vieni, ti conduco dove cresce”.

In realtà sapeva che quell’erba era velenosa, ma voleva con questo stratagemma uccidere l’altra testa, per poter poi mangiare a piacimento.

E la testa di destra mangiò l’erba, e il veleno uccise l’uccello a due teste.

 

– La tazza e il bastone, Storie Zen – T.Deshimaru

“l’essenziale è invisibile agli occhi” [cit.]

Posted in citazioni, pensieri by Inzirio Draghelli on 19 gennaio 2011

Ultimamente mi sono imbattuto in una frase che diceva: “Nessuno è indispensabile!”

volevo scrivere un papiello enorme, ma dirò solo:

il proprio benessere è legato a quello degli altri, dato che non si vive da soli e visto che si deve vivere con tanta gente (circa 6 miliardi?), se i tanta gente vivono male, come puoi tu vivere bene?

Haiku

Posted in pensieri by Inzirio Draghelli on 13 dicembre 2010

una luce nel cielo

improvvisamente si spegne

un pensiero illumina la mente

Tagged with: , , ,

Il piccolo principe

Posted in Uncategorized by Inzirio Draghelli on 25 marzo 2010

Come accennavo nel post precedente, mi rifugio spesso nel libro del maestro Deshimaru e proprio ieri quando l’ho riaperto tra le prime storie che mi sono capitate di rileggere c’era “il piccolo principe”, che non è certo il principe di Antoine de Saint-Exupéry.
In ogni caso ultimamente mi e’ capitata una coincidenza che lontanamente si può ricollegare a questa storia, e notando che in rete non si trova ho deciso di pubblicarla perchè è una storia triste ma bella al tempo stesso.

Otto secoli or sono, il principe della provincia di Kyushu, Kato Saemon Shigenji, aveva due mogli. Le amava entrambe, ma le due donne non riuscivano ad andar d’accordo tra loro. L’esistenza del principe era avvelenata dai loro continui litigi, dalla loro gelosia, tanto da indurlo a pensieri omicidi. Un giorno, stanco di quella situazione ormai intollerabile, stanco della superficialità della propria esistenza e degli onori a lui tributati, decise di chiudere con le illusioni e di cercare le radici del proprio essere. Abbandonò il suo palazzo e tutto ciò che possedeva, per abbracciare la vita semplice del monaco.

La prima moglie seguì il suo esempio e si ritirò in un monastero. La seconda, nei mesi che seguirono l’improvvisa partenza del principe, mise al mondo un bambino bellissimo.

Passarono gli anni. Fin dalla più tenera età, il piccolo erede interrogava di continuo la madre su chi fosse e dove si trovasse suo padre. E la madre ogni volta gli rispondeva, senza riuscire a convincerlo, che suo padre era morto. Compiuto il decimo anno, il piccolo principe aveva un tale desiderio di ritrovare il padre che decise di partire alla sua ricerca. Di fronte a tanta determinazione, la madre, venuta finalmente a sapere che il principe si era ritirato in un monastero della montagna sacra di Koyasan, decise di accompagnare il figlio sino a quel luogo.

Quando vi furono giunti, la madre rimase ad attendere in una locanda, poichè era proibito alle donne l’accesso al monastero; il figlioletto proseguì il viaggio, inerpicandosi per la montagna.

Cadde la sera e il fanciullo, esausto per il cammino, si mise a giacere tra due grossi tronchi e sprofondò nel sonno.

Al mattino, lo destò una voce: “Che fai tu, qui?”.

Colui che gli parlava era un venerabile monaco, dai tratti fieri e dolci, il cranio rasato.

“Cerco mio padre”.

“Ah! E chi è tuo padre?”

“E’ il principe di Kyushu, e vive su questa montagna”.

Il monaco, sconvolto, comprese di avere di fronte il suo unico figlio: riconobbe in quelli del fanciullo i lineamenti della madre ed i propri, il cuore gli battè fin quasi a spezzarsi, provò l’impulso di serrare tra le braccia quel fanciullo che lo guardava con aria triste e ostinata.

E invece si trattenne, rimase immobile. A quell’epoca, le regole monastiche erano severissime: quando un laico decideva di prendere tazza e bastone e vesti monacali, doveva spezzare ogni legame con l’esistenza di prima.

Così il monaco disse brutalmente al fanciullo: “Sì, tuo padre viveva qui, ma è morto da poco”.

Gli occhi del piccolo si velarono di lacrime, e chinò il capo. Il monaco, straziato, non sapeva che fare, combattuto tra il desiderio  di stringere tra le braccia il figlio e la volontà di non infrangere la regola.

Ma il fanciullo rialzò il capo e disse: “Voglio andare a pregare sulla sua tomba. Accompagnami, ti prego”.

Il monaco lo condusse al cimitero, dinanzi a una tomba, una semplice lastra di pietra, sotto un grande masso.
“Eccola, è questa”.

Il fanciullo si prosternò e pregò a lungo. Il monaco trattenne le lacrime e dopo qualche istante gli disse: “Andiamo, è tempo che torni da tua madre”.

Lungo la via che portava al cimitero, s’era fatto narrare da quel figlio che non poteva più riconoscere come suo, l’esistenza che conduceva. “Su coraggio, ” disse al fanciullo “tuo padre è morto, dimenticalo, diventa un uomo degno del tuo rango di principe”.

Il fanciullo lo seguì fino all’atrio del tempio e tornò mesto, percorrendo la strada indicata.

Arrivato alla locanda, apprese che durante la notte sua madre era morta, stroncata da una febbre improvvisa. Folle di dolore, tornò con la scorta in città, per recarsi dalla zia adorata. Ma anche lei era morta, vittima della stessa epidemia.

Il piccolo vide l’universo crollargli intorno. Più che mai solo, nulla più lo attraeva: i cibi avevano sapore di cenere, i graziosi paesaggi del suo giardino non risvegliavano ormai nulla in lui, e le più dolci musiche risuonavano con un’eco funerea nel suo cuore.

Nella sua mente di fanciullo rimaneva una sola speranza: il monaco incontrato lassù, sulla montagna, nel monastero dove la vita fluiva calma, ritmata dalla meditazione e dai riti.

Fuggì dal palazzo per raggiungere quel luogo di pace. E così il monaco, un giorno, lo vide apparire nel cortile del tempio:

“Cosa cerchi ancora?”.

“Voglio diventare monaco. Tutti quelli che amavo sono morti, la vita non ha più senso per me, voglio restare al tuo fianco”.

E allora il monaco comprese che non si può spezzare il legame con il proprio destino, con il proprio karma che ci segue ovunque, in una forma o nel’altra.

E fu così che il figlio divenne discepolo del padre.

Dove il Karma è: gli effetti delle azioni passate, di questa e altre vite. Ogni uomo mediante pensieri e azioni, determina il proprio.

Tagged with:

“Senza Tregua”

Posted in Uncategorized by Inzirio Draghelli on 24 marzo 2010

Da diversi anni a questa parte mi capita spesso di trovarmi all’improvviso in esperienze destabilizzanti e ogni volta so che c’è un qualcosa da imparare da queste situazioni.

La difficoltà consta nell’individuare e/o nel prefiggersi un insegnamento/obiettivo, ovvero capire cosa c’è da fare e imporsi di farlo.

Ciò risulta difficile ogni volta perchè mi ritrovo a farmi trasportare dagli eventi e dalle situazioni, perdendo improvvisamente il senso della Via.

Dico Via perchè? Perchè ogni volta che mi sento sperduto e confuso c’è un libro in cui mi rifugio e che so mi restituirà serenità. Il titolo è “La tazza e il bastone Storie Zen” del maestro Taisen Deshimaru.

Per alcuni sarà stupido e futile il fatto che delle storielle possano dare serenità allo stato d’animo di una persona, ma la filosofia Zen, a mio avviso, è una delle migliori filosofie che si possano seguire.

La stupidità insita nel mio essere sta invece nel fatto di non essere in grado di praticare giornalmente i suoi insegnamenti e invece mi ritrovo a edificare inutili muri a difesa del mio essere invece di fortificare il mio io.

Comunque cercando in rete ho trovato finalmente un buon sitarello di storie zen che oltre a proporre la storia, la commenta, dando così anche una spiegazione. Questo, da quello che ho imparato fino ad oggi sullo zen, va un po’ contro la sua filosofia in sè, in quanto lo Zen si basa molto sul ragionamento spontaneo e sul suo susseguente abbandono. Fatto sta che per un neofita che si trova in un momento di smarrimento una lettura di queste storie può essere di aiuto…

Ah il titolo di questo post è tratto dal titolo di una di queste storie… che in realtà è un koan. Per fortuna che c’e’ il commento seno’ col cazzo che l’avrei capito -.-‘

Tagged with: , ,